Our Lady of Perpetual Astonishment

Curiosity can make you do some really horrible things.

1 note

Maru Barucco - Via Oberdan (“Ovetto” EP)

Maru Barucco - Testi, ukulele
Salvo Cantarella - Synth, chitarra, basso, xilofono

"Non porto più rancore porto buste della spesa perché francamente non mi va"

[…]

"Perché stare con te era come starnutire in una biblioteca, era un po’ una vergogna, una brutta figura essere così umana. Stare con te mi ricorda i ragazzini con le bombole spray a imbrattare pareti che ricoprirai, che ricoprirai. Stare con te è un cappello a cilindro davanti a un bambino, è dover partorire la giusta sorpresa, sempre, per rendermi nuova."

Ma anche e soprattutto: 

"Di nuovo sopra il bus 54, lo becco in ogni cazzo di città. Ovunque debba andare e comunque andrà, io prendo sempre quello là."

Filed under Maru Barucco music via oberdan

0 notes

"Ninì" - (seconda traccia tratta dall’ep "Ovetto")

Maru Barucco - Testi, ukulele
Salvo Cantarella - Synth, chitarra, basso, xilofono

Maru Barucco è una brava, bravissima. Una creaturina ultraterrena che una sera, in una gelida Milano, ho avuto anche l’onore di incontrare.

E, ripeto, è bravissima.

Filed under Maru Barucco music Ninì

1 note

Quando nessun momento è mai buono per dire o fare qualcosa di doloroso ma necessario, proprio allora, qualsiasi momento diventa buono.

Il dolore che ne consegue non fa sconti a nessuno, ma se sono riuscita a mettere questo dolore sul tavolo, a mostrarlo, a spartirlo un poco con te, forse, per un attimo, in quello sguardo siamo stati simili e ci siamo riconosciuti un poco, di nuovo, schermati solo da un misto di pudore e riservatezza.